X

Esempi di inserimento dei termini di ricerca


milano roma: deve essere presente uno dei due termini
+milano +roma: devono essere presenti entrambi i termini
+milano roma: deve essere presente milano ed eventualmente roma
+milano -roma: deve essere presente milano ma non roma
+milano +( venezia): devono essere presenti o milano e roma o milano e venezia, ma i record con milano e venezia hanno rilevanza maggiore.
('<' indica minore rilevanza, '>' indica maggiore rilevanza)
"milano roma": deve essere presente l'esatta sequenza milano roma

Ricerche in: Architettura e Costruzione
Restauro dell'architettura moderna
Restauro del ferrocemento di Pier Luigi Nervi
L'attività di ricerca sperimentale si svolge presso il cosiddetto "Padiglione alla Magliana" in via della Magliana 238/240, e mira a mettere a punto una procedura per il restauro del ferrocemento, utilizzando un materiale appositamente brevettato per l'occasione dalla società Italcementi, denominato "Effix Design". Il padiglione alla Magliana, realizzato da Pier Luigi Nervi nell'inverno tra il 1944 e il 1945, è uno dei primissimi esempi di ferrocemento applicato all'edilizia e realizzato completamente in opera, prima che Nervi mettesse a punto la procedura di realizzare piccoli pezzi fuori opera, detta prefabbricazione strutturale. Il materiale utilizzato per il restauro è prodotto e fornito da Italcementi. I fondi per l'attività sono stati stanziati dalla ditta Italcementi stessa, attraverso apposito "Contratto di sponsorizzazione". L'attività sarà completata in tempo per l'inaugurazione, presso lo stesso padiglione, della mostra "Privato romano interno", allestita da Costantin Grcic all'inizio di maggio per la collaborazione della Galleria O. In oaccasione della mostra sarà presentato il restauro al Museo Maxxi di Roma. L'intera attività rientra nella ricerca SIXXI - XX Century Structural Engineering: the italian contribution, finanziata dall'ERC Advanced Grant 2011, in particolare nella prevista attività di conservazione e sensibilizzazione delle istituzioni al restauro e alla protezione delle opere di ingegneria strutturale italiana del Novecento.  
Valorizzazione del patrimonio architettonico dell'Accademia dei Lincei. Studio e restauro della foresteria di palazzo Corsini.
Il lavoro è stato articolato in più fasi: - lo studio delle caratteristiche architettoniche e costruttive dell'edificio; - la definizione delle linee guida per il riuso dell'edificio come foresteria e lounge; - l'elaborazione del progetto preliminare e l'affiancamento al Responsabile del procedimento per la direzione artistica dei lavori di conservazione e riuso.
Studio scientifico e ed elaborazione progettuale finalizzata al restauro conservativo di Tomba monumentale Brion a San Vito di Altivole (Carlo Scarpa)
Il lavoro è articolato in più fasi: - lo studio delle caratteristiche architettoniche e costruttive dell'edificio; - l'organizzazione di una serie di attività scientifico/seminariali legate al tema; - la definizione delle linee guida per la conservazione del monumento.   Nell'ambito della ricerca sono stati organizzati: - 9° seminario internazionale sul restauro architettonico "Tomba Monumentale Brion. Temi di restauro", organizzato dal Centro Internazionale di Studi di Architettura "Andrea Palladio" tenutosi a Vicenza e a San Vito di Altivole dal 3 al 6 giugno 2004. - Giornata di studi patrocinata dalla DARC, dalla Regione Veneto e dal Comitato paritetico per la valorizzazione dell'opera di Carlo Scarpa dal titolo "Il restauro delle opere di Carlo Scarpa", tenutosi al MAXXI a Roma il 19 settembre 2005.
Studio ed elaborazione progettuale finalizzata al restauro conservativo del Padiglione dell'artigianato E. Tavolara a Sassari
Il lavoro è articolato in più fasi: - lo studio delle caratteristiche architettoniche e costruttive dell'edificio; - la definizione delle linee guida per il riuso del palazzo come Museo dell'Artigianato e del Design; - l'elaborazione del progetto preliminare e l'affiancamento al Responsabile del procedimento per la direzione artistica dei lavori di conservazione e riuso.   Il lavoro compiuto nella prima fase è stato pubblicato in: S. Gizzi, S. Poretti (a cura di), Il Padiglione dell'artigianato a Sassari. Architettura e conservazione, Gangemi, Roma 2007.
Studio scientifico ed elaborazione progettuale finalizzata al restauro conservativo del Palazzo della Civiltà Italiana all'Eur (Roma)
Il lavoro è articolato in più fasi: - lo studio delle caratteristiche architettoniche e costruttive dell'edificio; - la definizione delle linee guida per il riuso del palazzo come Museo dell'Audiovisivo; - il progetto di parte dei lavori di restauro artistico e di adattamento funzionale. Lo studio delle caratteristiche architettoniche e costruttive dell'edificio, iniziato e condotto a termine nel 2000, è svolto a seguito di una convenzione stipulata con la società EUR SpA. In seguito il gruppo di lavoro è incaricato dal Ministero per i Beni e le Attività culturali, dall'Ufficio centrale per i beni archeologici, architettonici, artistici e storici e dalla Soprintendenza per i beni ambientali e architettonici di Roma di fornire una consulenza per la individuazione delle parti architettoniche da sottoporre a restauro conservativo e per la formulazione di orientamenti progettuali finalizzati ad evitare lo "snaturamento" della qualità architettonico-spaziale ed a prefigurare soluzioni connesse al riuso del palazzo della Civiltà Italiana come Museo dell'Audiovisivo. Infine il gruppo di lavoro è incaricato dal Ministero per i Beni e le Attività culturali, Soprintendenza per i beni architettonici ed il paesaggio di Roma di fornire una consulenza alla progettazione di parte dei lavori di restauro artistico e di adattamento funzionale del Palazzo della Civiltà Italiana.
Valorizzazione del patrimonio architettonico delle Poste Italiane SpA. Studio del Palazzo delle Poste di Piazza Bologna in Roma
Il lavoro è stato articolato in due fasi: Fase 1. Ricerca storica e supporto alla progettazione: 1.1 Ricerca storica sulle caratteristiche costruttive e architettoniche dell'opera; 1.2 Studio specialistico di supporto alla redazione del progetto generale di adeguamento funzionale; 1.3 Elaborazione delle linee guida complessive per indirizzare gli interventi di conservazione, ripristino e ristrutturazione; 1.4 Individuazione delle parti dell'edificio nevralgiche ai fini della conservazione dei caratteri architettonici originari dell'opera; definizione, relativamente a tali parti, dei particolari costruttivi indicativi delle modalità  di intervento (caratteristiche dei materiali, tecniche di posa in opera) inalizzato al ripristino delle caratteristiche architettoniche originari. Fase 2. Assistenza alla Progettazione esecutiva e direzione artistica da fornire nelle varie fasi dei lavori. 2.1 Assistenza alla compilazione di voci descrittive di particolari categorie di lavori; 2.2 Assistenza alla direzione dei lavori nel corso della esecuzione delle opere con eventuale redazione di ulteriori particolari grafici. La Fase 1 è stata completata. Ha previsto la redazione di un vero e proprio progetto esecutivo di interventi redatto a partire dal progetto generale di adeguamento funzionale. La Fase 2 deve essere ancora completata, essendosi per un primo step limitata al salone dei portaletteri al primo piano.  
Consulenza scientifica relativa alla progettazione ed esecuzione del restauro dell'edificio postale Ostiense di Roma (A. Libera)
Gli esiti del lavoro di ricerca applicata, condotto tra il 1999 e il 2001, sono pubblicati in: S. Poretti (a cura di), Il restauro delle Poste di Libera, Gangemi editore, Roma 2005.